Realizzare una composizione elettroacustica

In questa mappa concettuale trovate una guida operativa per realizzare una composizione elettroacustica con gli strumenti (software, registratori) che abbiamo usato in classe nel corso del tempo.

Il lavoro deve essere svolto in gruppo (max 5, 6 persone) e ogni partecipante si sceglierà un compito ben preciso all’interno del gruppo.
Ecco un elenco dei tipi di attività (e dei relativi programmi) che ognuno di voi potrà scegliere.  A fianco ad ogni voce ho inserito il grado di difficoltà che (a mio parere) richiede l’uso delle varie applicazioni:
da 1 (applicazione intuitiva, non richiede competenze diverse da quelle acquisite in classe)
a 5 (applicazione complessa, potrebbe richiedere competenze specifiche).

ATTIVITA’ E PROGRAMMI

Registrazione: registrare elementi sonori (rumori, voci, strumenti musicali) e salvarli come file audio (wav o mp3) [Difficoltà 1]

Coagula light– Sintetizzatore ad interfaccia grafica: creare brevi elementi sonori di tipo elettronico salvati come file wav [Difficoltà 1]

patchwork-synth.com – sintetizzatore modulare on line: creare brevi elementi sonori di tipo elettronico  [Difficoltà 5]
[NB: patchwork non permette di salvare in formato audio]
audiotool.com – sintetizzatore modulare on line: creare elementi sonori di tipo elettronico salvati come file mp3 [Difficoltà 5] [guida in italiano] [videoguide in inglese]

www.youtube-mp3.org – applicazione per estrarre e scaricare materiale audio da filmati youtube  [Difficoltà 2]
http://it.mp3cut.net/ – applicazione online per tagliare file mp3 troppo lunghi, prima di utilizzarli nel proprio brano  [Difficoltà 2]

Finale notepad– programma di notazione musicale  [Difficoltà 2]
Noteflight.com – programma di notazione musicale on line (in grado di esportare in formato audio uno spartito musicale)  [Difficoltà 3] [guida con google translate]

Audacity – software di audio editor  e mixaggio  [Difficoltà 4]

soundation – pattaforma per la registrazione e l’editing audio multitraccia

Relazione finale: sul lavoro svolto (documento word o presentazione su prezi.com). [ecco il link a una traccia in formato word per redigere la relazione finale: relazione lavoro_elettroacustico]

SVOLGIMENTO
Il lavoro prevede l’alternarsi di attività individuale e collettiva per realizzare un brano di una durata complessiva che stia tra uno e tre minuti:
1. Pianificazione del lavoro di gruppo (attività collettiva): si distribuiscono i compiti per ciascun partecipante; si stabilisce una scadenza intermedia per la consegna dei materiali sonori.
eventualmente si stabilisce il tempo del brano (la rapidità delle pulsazioni, spesso indicata in numero di battiti per minuto o bpm).
In alcuni programmi (come noteflight, myna, audiotool, roc) si può impostare il tempo di esecuzione
Meglio che sia il medesimo per tutti i materiali utilizzati nello stesso progetto.
2. Realizzazione dei materiali sonori (attività individuale): ciascun partecipante procede con il proprio lavoro e realizza alcuni file audio (in formato wav o mp3)
3. Progettazione del brano
(attività collettiva): si raccolgono i files audio e si ascoltano collettivamente, misurandone la durata e selezionando i materiali da utilizzare.
si stende un progetto di massima sulla forma complessiva del brano (inizio, parte centrale, conclusione).
4. Mixaggio finale: si uniscono i diversi materiali sonori (files audio) in un unico lavoro attraverso un programma di editing multitraccia (come myna o audacity) e si realizza il mixaggio finale di tutti i materiali sonori secondo il progetto steso collettivamente. Si salva il risultato come file audio.
5. Presentazione del risultato: stendere una relazione  per descrivere il lavoro svolto: le attività svolte dai vari membri del gruppo; l’elenco dei files sonori realizzati individualmente; le diverse fasi del lavoro; una breve descrizione del risultato finale.

Patchwork – sintetizzatore modulare online

Patchwork – Online modular sound synthesis

è un’applicazione online che permette di “costruire” il proprio sintetizzatore combinando vari moduli: generatori di suono, filtri, sequencer (per generare e controllare brevi sequenze di note), eccetera. In altre parole il computer simula il funzionamento dei vecchi sintetizzatori analogici come il Moog (vedi la timeline nel post precedente).

All’inizio bisogna comprendere alcune regole base per produrre e controllare i suoni secondo le proprie intenzione, ma dopo il primo scoglio l’uso dell’applicazione è abbastanza intuitivo. Per ora rimando al sito, successivamente inserirò qualche informazione supplementare su come utilizzare il programma.
Giusto qualche consiglio per incominciare.
Dal Menù “file” scegli “new patch” per iniziare da zero
Il menù in alto è organizzato per tipologie di moduli. Ogni modulo è disegnato come un rettangolino con  un ingresso (in alto) e un’uscita (in basso). Trascinando il mouse da un’uscita ad un ingresso, si collegano due moduli.

Prova a prendere un modulo “note sequencer” (sequenza di note)  e a collegare l’uscita ad un “sine wave osc[illator]” (ossia oscillatore di onda, dal menù generator) ed infine ad un “sound out“. (dal menù “I/O”, che sta per sta per input (ingresso) Output (uscita): se vuoi far sentire il tuo suono devi sempre far terminare il circuito con un modulo “sound out”).

Premi il tasto Play in alto a destra per avviare il suono.

Successivamente arriveranno istruzioni più dettagliate, ma per il momento…chi di voi vuol provare…?