Storia di una canzone.

canzone

Con le classi terze abbiamo ragionato sui processi produttivi che regolano, nella maggioranza dei casi, le diverse fasi della creazione di una canzone nell’industria discografica. A partire da questa riflessione ho realizzato uno schema sulla piattaforma online http://www.draw.io.

Storia di una canzone- dall'ideazione all'ascolto

Nel comporre e mettere a punto i nostri due blues con le classi terze, abbiamo provato a seguire questo schema. Il docente ha scelto la struttura formale e accordale (il blues), ogni alunno ha composto una diversa melodia, la classe ha scelto la più rappresentativa e collettivamente ha agito da paroliere, inserendo il testo (su noteflight.com). A partire da questo canovaccio, ogni studente  ha proposto un diverso arrangiamento (sempre attraverso noteflight): le migliori proposte sono state incluse nella versione definitiva dello spartito. La classe quindi ha iniziato a studiare l’esecuzione del brano con il seguente organico:

  • coro di 20 voci, che in alternanza si distribuiscono anche le parti dei flauto dolce e tastiera
  • 4 chitarre
  • basso elettrico
  • batteria

Ora quindi ci troviamo a metà del percorso, nella fase di interpretazione. Tra breve dovremo registrare, curare la post-produzione, pubblicare il bano, curarne l’aspetto grafico e la promozione. La strada è ancora lunga, coraggio!

Sondaggio: quale brano suonare insieme? Votate votate votate…

votantonio

Con le classi seconde abbiamo portato avanti un lavoro di autoapprendimento guidato. I ragazzi hanno attivato un lungo e impegnativo processo di arrangiamento e organizzazione di un gruppo, spesso con ottimi risultati:

  • si sono organizzati in piccoli gruppi, con strumenti diversi (chitarra, tastiera, flauto)
  • hanno scelto un brano da studiare a partire dalle loro preferenze musicali;
  • hanno cercato lo spartito che gli interessava (in alcuni casi si è trattato di vere e proprie le partiture) sulla piattaforma online noteflight.com (messi a disposizione da altri utenti);
  • hanno semplificato la traccia musicale adattandola ai loro strumenti e alle loro capacità (in alcuni casi con il mio aiuto);
  • hanno attribuito le parti del brano ai vari componenti del gruppo;
  • hanno condiviso la traccia musicale (ossia uno spartito interattivo online) con i membri del gruppo
  • hanno messo a disposizione il loro lavoro a tutti gli altri studenti, attraverso una pagina di questo blog
  • si sono organizzati studiando individualmente e poi incontrandosi per delle prove collettive
  • hanno eseguito il brano di fronte agli altri compagni, spesso con esiti sorprendenti.

Se ti interessa conoscere di più su questo lavoro, vai alla pagina Piccoli gruppi crescono e ascolta gli arrangiamenti che gli studenti hanno realizzato di: Bailando di Enrique Iglesias; Boyfriend di Justin Bieber;  Wrecking ball di Miley Cyrus; Let it go dal film Frozen il regno di ghiaccio;  Problem di Ariana Grande; Skyfall di Adele; Wake me up when september end dei Green day; Best day of my life degli American Authors; We will rock you dei Queen; Dark horse di Katy Perry; Thinking out loud di Ed Sheeran; Scream & shout di Britney Spears; Waka waka di Shakira; Dangerous di David Guetta e Chandelier di SIA.

Questo lungo lavoro, svolto dai ragazzi in modo autonomo e fuori dalle aule scolastiche, si sta per concludere con la registrazione di alcune esecuzioni e con un sondaggio. Qual è secondo te l’arrangiamento meglio riuscito tra questi? Quale brano pensi che verrebbe meglio se suonato dall’intera classe? Attenzione quindi la domanda non è “Qual è il tuo brano preferito”. Prova a dare la tua opinione (è accettata una sola risposta!), ne terrò conto quando proporrò alle classi un nuovo brano da studiare. Votate votate votate…