L’invasione delle ultramelodie natalizie

“Die zehn wichtigsten Wörter.” (Le dieci parole più importanti) Karlheinz Stockhausen, Natale 1991

Due cose annunciano con largo anticipo l’imminenza del Natale: gli addobbi luminosi nelle vetrine e la presenza pervasiva di melodie natalizie, a cui non si riesce a sfuggire anche nei luoghi più impensabili.

Anch’io non sono riuscito ad evitare quest’invasione e ho dovuto soccombere alle richieste degli alunni delle classi prime.  Quindi, a grande richiesta, ecco il link allo spartito di una classica melodia natalizia: Jingle bells: un’ottima occasione per prendere confidenza con il software di notazione noteflight.

Per chi è alle prime armi nella lettura del pentagramma, eccone anche una versione ritmicamente semplificata.

jingle semplificata

Per chi invece non padroneggia ancora la diteggiatura sul flauto dolce ecco una versione animata, in cui lo spartito interattivo suggerisce le posizioni delle dita sul flauto, dal sito odogy.com.

2015-12-25 10_24_41-MusicShare

Di tanto in tanto, anche i più irriducibili ribelli sono incappati nelle ultramelodie natalizie. Provate a sentire come il sassofonista jazz Charlie Parker trasforma la celeberrima White Christmast. Dopo l’esposizione del tema inizia un lungo assolo improvvisato in stile bebop, pieno di invenzioni sorprendenti e citazioni. A proposito: chi mi dice cosa succede a 2:02? Buon Ascolto!