Disegno e grafica online: alcuni tools per la scuola.

Nel web esistono ormai numerosi strumenti per creare ed elaborare le immagini.

Anche se questo blog è dedicato alla didattica musicale, ho pensato di condividere alcune considerazioni sui software online più adatti al mondo della scuola: l’offerta è enorme e districarsi trai vari programmi non è sempre semplice.  

Tipologie di software

In primo luogo è necessario distinguere le principali tipologie di utilizzo di queste applicazioni.

Un buon software di grafica per la scuola deve presentare un buon compromesso tra funzionalità che si avvicinano al mondo professionale (come layers, mascheramento, filtri, regolazione dell’immagine) e semplicità di utilizzo.

Utilizzabilità nella didattica

Per essere utilizzati al meglio nel mondo della scuola, i software online devono presentare alcune caratteristiche importanti (non specifiche dell’ambiente grafico):

  • Iscrizione con la funzione Sign up with Google
  • Possibilità di collaborazione tra più utenti
  • Possibilità di distribuire template modificabili
  • Utilizzo su PC e dispositivi mobili (html5)
  • Account free senza limitazioni
  • Tutorial integrati nel programma
  • Utilizzabile sotto i 14 anni

Le app che ho raccolto in questo elenco sono:

Adobe Express Editor
Aggie
Animatron
Autodraw
Canvas
DeviantArtMuro
Diagrams
Drawlong AR
Ipiccy
Photopea

Pixilart
Pixlr
Powtoon
Sketchpad
Sumopaint
Tinkercad
Vectr
Web Paint
Youidraw drawing
Youidraw Logo

Fuori dai canoni! Un Rinascimento elettronico

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un disegno di Leonardo da Vinci con la costruzione prospettica del “mazzocchio” (un tipico copricapo rinascimentale) si alterna all’immagine di un gonfiabile a tema “musicale” per piscine, pubblicizzato nel mondo virtuale di “Second life”.

Nel post Componi il tuo canone abbiamo visto come realizzare una semplice composizione con la tecnica del canone.

Dopo aver realizzato il brano in notazione, con il software online noteflight, possiamo ora esportare il brano in una DAW (Digital Audio Workstation) online, come soundtrap. In questo contesto possiamo utilizzare noteflight per stendere le idee musicali su pentagramma: una sorta di quaderno degli appunti per i  nostri schizzi musicali.

In soundtrap, software online per realizzare progetti audio, potremo invece finalizzare il nostro lavoro, creando un vero e proprio brano. Le azioni da compiere saranno:

  • assegnare più timbri strumentali ad ogni parte, alternando gli interventi dei vari strumenti
  • creare una struttura complessiva, distribuendo gli interventi nel tempo
  • aggiungere una parte percussiva
  • aggiungere eventuali effetti sonori 
  • aggiungere un’eventuale parte suonata dal vivo e registrata con microfono.

In questo videotutorial trovate una guida per realizzare il vostro canone elettronico.

 

A questa pagina potete ascoltare i brani composti dagli studenti di qualche anno fa.

Buon lavoro!

 

Connessioni tra generi musicali con musicmap.info

Dalla trap al Soul blues a ritroso con musicmap.info

Musicmap.info è un sito di infografica interattiva sui generi musicali. Ma è anche un bellissimo modo per scoprire tanta musica nuova. Il sito è stato creato da un team di esperti di popular music consultando una grande bibliografia di saggi sull’argomento. In poche parole il sito offre una sterminata rete di connessioni tra generi musicali, con un’organizzazione a più livelli:

  • cronologia: in senso verticale (dall’alto verso il basso) si va dal 1980 ai giorni nostri
  • super-generi (o macro generi): grandi insiemi contrassegnati da un colore: Rosso per il rap, blu per la musica afroamericana (blues e jazz), ecc.
  • influenze: le influenze da un genere ad un altro sono indicate con una linea.

Questa grande costellazione di generi musicali si può navigare aumentando o diminuendo il dettaglio della rappresentazione con lo zoom.

Per ogni genere sono disponibili spiegazioni (in inglese) e una playlist di brani rappresentativi.

In questo video tutorial spiego ai miei studenti come utilizzare il sito.

Ho assegnato ai miei studenti un compito a partire da questo sito.

In sintesi chiedo agli studenti di partire da un genere a scelta e di seguire le connessioni suggerite nella mappa interattiva spostandosi di cinque tappe (eventualmente anche a ritroso nel tempo), fino ad arrivare ad un genere musicale di arrivo, che sarà necessariamente diverso dal primo ma che avrà con esso anche qualche flebile elemento in comune. Gli studenti devono poi scegliere due brano musicali (uno per il genere di partenza e uno per quello di arrivo) e commentarli brevemente, notando gli elementi in comune e le differenze. Il tutto va redatto seguendo una scheda guida. Chi fosse interessato qui trova le mie Istruzioni per lo svolgimento.

Vi presento a titolo esemplificativo, due ottimi lavori, creati da Elena Lorido della III F: Dal Grunge al Blues rock e da Niccolò Pastorelli della 2H: Dal Chicago Blues all’Indietronica e al Chillwave.

Dal Grunge al Blues rock

Comporre otto battute di riff e melodia.

guitar

Ecco una guida per comporre un brano su riff (o groove o ‘giro di basso’).
Il riff è una breve parte melodica (può essere di una, due o quattro battute) dotata di un ritmo incalzante e che, nella musica rock o jazz, spesso serve come elemento di accompagnamento. In una canzone di solito un riff viene ripetuto con minime variazioni per tutta la durata di una sezione del brano (ad esempio tutto il ritornello o tutta la strofa).

Come procedere.
1. Impostare la pagina
Usate il noteflight.com per impostare lo spartito. Dovrà contenere due pentagrammi, entrambi in chiave di violino. Dovrete ideare un riff che vi convinca, della durata di una, due o eventualmente quattro battute. .
Per il momento lascerete il pentagramma superiore (Pentagramma 1)  vuoto e scriverete invece in quelli inferiore
Eliminate il rigo in chiave di basso (molti di voi sanno leggere le note solo in chiave di violino).
Inserite un nuovo strumento: dal menu Instrument (icona di chitarra in alto a destra) –> gruppo plucked strings –> guitar.

2. Comporre il riff di 2 o 4 battute
Un riff convincente deve avere una certa varietà ritmica (note di durata diversa), un impulso ritmico incisivo  e contenere delle sincopi.
Quindi attenzione alle durate. Inserite poche (o nessuna) note da due pulsazioni e utilizzate in modo vario durate più brevi: note da una pulsazione con il punto, crome, pause di croma e, eventualmente, qualche gruppo di semicrome. Non vi accontentate del primo risultato: riascoltate e correggete fino a quando non sarete soddisfatti.

3. Estendere il riff su 4 o 8 battute
Quando il riff vi sembra ben riuscito, copiatelo e ripetetelo, per sentire l’effetto del riff su un arco di più battute. Immaginiamo di scrivere un riff di due battute per la parte inferiore (giro di basso). In alcuni casi può essere necessario evitare un effetto troppo ripetitivo: provate a questo proposito a variare il finale del vostro riff (basta cambiare una nota o due): otterrete così due versioni del riff, con due finali differenti: che possiamo chiamare ‘a’ e ‘b’. Alternate i due finali  per un totale di 4 o 8 battute.

Ecco un esempio della struttura con 8 battute

battute 1-2 3-4 5-6 7-8
pentagr. 1 piano
pentagr. 2 (guitar) riff  
(finale a)
riff 
(finale b)
riff 
(finale a)
riff 
(finale b)

4. Aggiungere la melodia
A questo punto viene il difficile: sul pentagramma superiore dovete sovrapporre  a questa base una melodia che proceda per otto battute in modo più libero. Decidete voi se ripetere o meno alcuni elementi nella stesura della melodia. 

batt. 1-2 3-4 5-6 7-8
piano melodia di otto battute
guitar riff 1
(finale a)
riff 1
(finale b)
riff 1
(finale a)
riff 1
(finale b)

Ecco, come esempio, le prime 4 battute di una melodia realizzata in questo modo: nel primo pentagramma la melodia, nel secondo il riff, ripetuto due volte.

riff_2

5. Salvare,condividere e esportare
Quando il risultato è convincente, salvate il brano su noteflight e condividete nel modulo qui sotto.
Attenzione però: se volete inserire questa breve composizione in un programma di musicale elettronica come audiotool.com, dovrete prima ricordarvi e Esportare il brano come file MIDI.