La parola cantata [2018]

Nelle classi terze abbiamo analizzato le caratteristiche espressive della voce parlata.

Fase conoscitiva:

1. Abbiamo iniziato osservando come, nel dialogo parlato, la nostra voce può cambiare a seconda del valore comunicativo che intendiamo dare alle nostre parole. La medesima frase può comunicare emozioni molto diverse a seconda del modo in cui viene pronunciata.
2. Abbiamo riconosciuto ed esaminato queste sei caratteristiche della voce parlata:

  • Intensità
  • Curva intonativa
  • Velocità (Andamento)
  • Presenza di pause
  • Registro
  • Timbro (ossia qualità della voce e tipo di emissione)

3. Abbiamo osservato che, nell’espressione delle emozioni, le caratteristiche del canto possono essere  simili a quelle della voce parlata .

Fase operativa:

Ognuno di voi ora deve scegliere un breve passaggio di una canzone che, a vostro parere, mostri un chiaro contenuto espressivo. Non scegliete seguendo soltanto i gusti musicali, ma chiedetevi quale emozioni esprime il frammento che avete scelto.

Consigli per la scelta del frammento musicale:

  • deve essere una canzone, non un passaggio rap, perchè nel rap il cantante non intona le parole, male pronuncia senza una precisa melodia.
  • il frammento che scegliete deve essere breve: scegliete l’intonazione di un solo verso, dai 5 ai 15 secondi circa.
  • Annotatevi a quale secondo del brano compare il passaggio che avete scelto.

Dopo questa fase dovrete analizzare in che modo, nel segmento di canzone scelto, le caratteristiche della voce contribuiscono a determinare il tipo di emozione prevalente.

Cantare con le mani [2018]

Nelle classi prime sto introducendo l’asociazione tra gesti della mano e gradi della scala per intonare alcune semplici melodie, riprendendo alcuni aspetti del metodo Kodaly.

Ecco, ad esempio, la trascrizione della melodia Fra’ Martino.

Fra Martino - Kodaly

Ecco invece un breve video che illustra l’associazione tra gesti della mano e gradi della scala.

 

Go down Moses

 

go down moses

Testo

Rit.:
Go down Moses
Way down to Egypt land
Tell old Pharaoh to
Let My People Go!

 

Strofa 1:
When Israel was in Egypt land…
Let My People Go!
Oppressed so hard They couldn’t stand
Let My People Go!
So the Lord said:
Rit.:
Go down Moses
Way down to Egypt land
Tell old Pharaoh to
Let My People Go!

Strofa 2:
So Moses went to Egypt land…
Let My People Go!
He made old Pharaoh understand…
Let My People Go!
So the Lord said:
[Rit.]Strofa 3:
‘Thus spoke the Lord’, bold Moses said
Let My People Go!
‘If not I’ll strike, your firstborn’s dead’
Let My People Go!
So the Lord said:
Rit.:

Intrepretazione di Louis Armstrong

Interpretazione “a cappella”

Storia e significato del brano

Testo e accordi:

Mo better blues

Mo better blues è un film del regista Spike Lee, che racconta le vicende di un immaginario trombettista di New York. Il brano portante della colonna sonora ha lo stesso titolo del film ed è stato scritto dal padre del regista, Bill Lee, e viene eseguito dal gruppo del trombettista jazz Wynton Marsalis. Ecco la melodia, basata su una scala pentatonica.

better

Nel file su noteflight, la melodia è seguita da una variazione con l’aggiunta di alcuni elementi di ornamentazione

Il brano è abbastanza semplice e di effetto: proveremo a suonarlo in un arrangiamento per flauti (la parte della tromba) e tastiere (divise in 3 diverse parti) e chitarre.

Per suonare con una base di accompagnamento, clicca su:

Partitura completa

Parti individuali:

melodia

melodia per chitarre

accompagnamento 1: bicordi

accompagnamento 2: bicordi

Per le tastiere: attenzione ai bicordi, al Do diesis e al Si sotto il Do centrale.

accompagnamento 3 [pianoforte a due mani]

accordi semplificati [chitarra]

bassi

In questa scena vedete la sequenza in cui il protagonista suona Mo better blues in un locale di New York.