Un nuovo mondo di musica: Dvorak e lo spiritual

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dvorak, Schizzo per il Largo della Sinfonia Dal nuovo mondo

Intorno al 1890, il compositore boemo Antonín Dvořák insegnò al Conservatorio di New York City. Tra i suoi studenti c’era anche Harry Burleigh, un compositore e un cantante baritono neroamericano. Burleigh ebbe la grande intuizione di reinterpretare la musica di tradizione orale della propria comunità religiosa, le melodie degli spiritual (qui un mio articoletto per la Treccani Ragazzi), attraverso raffinati arrangiamenti per coro. Prima della diffusione di questi arrangiamenti, gli spiritual erano cantati generalmente in chiesa su tempi piuttosto rapidi e prevedevano un ampio margine di variazione da parte dei membri del coro (eterofonia). Un esempio di questo tipo di spiritual arcaico si può vedere nei bellissimi filmati girati da Bess Lomax Hawes (sorella del grande etnomusicologo Alan Lomax) negli anni Sessanta (www.media-generation.com). Qui vediamo il gruppo di cantanti folk Georgia Sea Island Singers eseguire il brano Adam in the Garden.

Con la diffusione degli arrangiamenti di Burleigh, nacque un’altra versione dello spiritual: una musica cantata a tempo lento (molto più simile alla solennità dell’Inno), priva quindi del battito di mani e del ballo, arrangiata secondo una partitura prefissata, cantata da un coro di semiprofessionisti e pensata per essere fruita in un’esibizione pubblica (il concerto). Un’altra delle innovazioni apportate da Burleigh è stata l’invenzione dello spiritual solistico: da allora le melodie spiritual, con l’accompagnamento del pianoforte, possono far parte del repertorio solistico di un cantante.

Come ha dimostrato la studiosa Wayne Shirley, nel 1893 Dvorak si ispirò ad uno spiritual, Deep River, per uno dei temi della Sinfonia dal nuovo mondo (nel movimento Largo).

Ho inserito uno spartito di questa bellissima melodia (semplificato, trasposto in tonalità di DO maggiore e sincronizzato con l’audio dell’orchestra) sulla piattaforma noteflight.com.

2016-01-29 11_29_44-Largo dalla _Sinfonia dal nuovo mondo_

Clicca qu questo link per accedere alla pagina dello spartito.

Deep River divenne famoso negli USA grazie anche ad alcuni arrangiamenti di Burleigh. Non solo la melodia di Dvorak somiglia da vicino a quella dello spiritual, ma, come ha scoperto lo studioso Joe Horowitz, l’arrangiamento di Burleigh per sole voci maschili di Deep River (una versione poco nota del 1917) prevede un’introduzion con accordi che rimandano chiaramente al maestro boemo. Confrontate le due introduzioni nel Largo di Dvorak e nell’arrangiamento di Deep River di Burleigh, eseguito dal gruppo Cantus. La vicinanza tra questi due arrangiamenti suggerisce un risultato impressionante: non solo Dvorak si ispirò allo spiritual per codificare la sua poetica, ma fu lo spiritual stesso (nella stile formalizzato con cui si diffuse nelle sale da concerto) ad essere stato influenzato da Dvorak!

A questo link trovate una versione di Deep River per pianoforte e voce cantata da Paul Robeson.

2016-01-29 17_53_58-Deep river

Burleigh ebbe un ruolo importante anche nel promuovere il valore artistico dello spiritual. Ecco cosa srcriveva nell’introduzione all’arrangiamento di Go down Moses (Ricordi, 1917).

Success in singing these Folk Songs is primarily dependent upon deep spiritual feeling. The voice is not nearly so important as the spirit; and then rhythm, for the Negro’s soul is linked with rhythm, and is an essential characteristic of most all Folk Songs.

It is a serious misconception of their meaning and value to treat them as “minstrel” songs, or to try to make them funny by a too literal attempt to imitate the manner of the Negro in singing them, by swaying the body, clapping the hands, or striving to make the peculiar inflections of voice that are natural with the colored people. Their worth is weakened unless they are done impressively, for through all these songs there breathes a hope, a faith in the ultimate justice and brotherhood of man. The cadences of sorrow invariably turn to joy, and the message is ever manifest that eventually deliverance from all that hinders and oppresses the soul will come and man – every man – will be free.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...