Invenzioni elettroniche. Consegna degli elaborati

Jpeg

La fase operativa del laboratorio di musica elettronica in una delle mie classi

Cari studenti delle classi terze, vi ricordo che è il momento di consegnare il brano che conclude l’esperienza del laboratorio di musica elettronica. Ogni brano dovrà durare non meno di un minuto e dovrà contenere i seguenti elementi: 1. una o due tracce MIDI (realizzate su pentagramma con il software online noteflight.com) contenenti un giro di basso (o riff) e una melodia, che andranno assegnate ad altrettanti sintetizzatori. 2. una traccia per batteria elettronica 3. uno o più effetti sonori realizzati con il software Virtual ANS. 4. una o due registrazioni d’ambiente (importate nel brano dal menù File–>Import Sample). 5. Infine dovrete registrare (dopo aver premuto il tasto REC) le variazioni di alcuni parametri, come ad esempio i volumi delle tracce nel Mixer o i parametri che regolano il timbro dei sintetizzatori (quest’operazione si chiama automation). Infine un’ultima indicazione: non vi affidate a suoni preconfezionati! Quindi, mi raccomando, usate meno possibile i loops che trovate già pronti nel sito audiotool. Maggiore è il grado di originalità, più interessanti saranno i risultati. Per inviare il brano consultate le istruzioni nel post precedente. Criteri per la valutazione.competenza tecnica: capacità di usare i vari programmi per controllare il risultato sonoro complessivo (montaggio delle parti, automation, bilanciamento dei livelli, eccetera). – originalità: è più originale un brano in cui tutti i materiali musicali sono di vostra creazione, in cui, cioè, si utilizzano pochi loop e elementi musicali preesistenti. – struttura complessiva: il brano deve avere una struttura coerente un inizio, dei punti di segmentazione, eventualmente la ripetizione o variazione di alcuni elementi, un finale. Inserite il link dei vostri lavori aggiungendo un commento a quest’articolo.
ATTENZIONE;  ricordate di aggiungere nel commento i nomi di tutti partecipanti al lavoro di gruppo.
Buon lavoro!

Virtual ANSJpeg *** jack black chalkboards Considerazioni di metodo [per i prof. in ascolto] Il laboratorio si è svolto secondo secondo la modalità BYOD (bring your own device). I ragazzi, divisi in gruppi, hanno utilizzato i dispositivi portati da casa. La costituzione dei gruppi ha fatto sì che in ogni gruppo avesse a disposizione uno o due computer/tablet connessi alla rete wi-fi della scuola. I gruppi sono stati composti in modo tale che ogni membro potesse contribuire con un incarico differente (secondo differenti livelli di difficoltà). Abbiamo utilizzato in prevalenza software web-based: notefligh è servito per comporre in notazione tradizionale, mentre audiotool  è stata la nostra DAW (Digital Audio Workstation), ossia la piattaforma di motaggio di audio gestione dei synth e delle tracce MIDI (musical instrument digital interface). I gruppi hanno utilizzato (quando possibile) dei comuni sdoppiatori di segnale per poter collegare più auricolari all’uscita audio del medesimo computer. L’attività in classe (circa tre lezioni di un’ora) è stata preceduta da un’intensa fase di formazione sull’uso dei programmi e un’attività di composizione preliminare pre preparare una riserva di brevi brani in formato MIDI attraverso noteflight. Ogni lavoro è stato poi completato e rifinito a casa: in ogni gruppo vi era un responsabile dell’uso di audiotool a cui competeva la rifinitura e l’invio del brano. Il brano infine deve essere consegnato sotto forma di link ad una pagina di audiotool. In questo modo l’insegnante ed eventualmente altri alunni possono ascoltare un brano online, condividerlo attraverso altre piattaforme, scaricarlo come file mp3, aprire il file corrispondente per osservare nel dettaglio come sono state utilizzate le le varie componenti. L’attività si conclude con l’ascolto collettivo dei brani di fronte agli studenti (ed eventualmente a una platea più vasta); la pubblicazione di una playlist su questo sito con gli elaborati degli studenti.

Annunci

Audiotool (5) Salvare e esportare un brano finito

Se avete realizzato un brano di musica elettronica attraverso il sito audiotool.com, ecco alcune indicazioni per salvare ed esportare il lavoro finito. In audiotool il salvataggio del lavoro avviene in due fasi. 1. Il comando Save Draft (ossia bozze modificabili: in questo modo sarete indirizzati sull’elenco dei vostri brani pubblicati) dal menù File. Serve a salvare una ‘brutta copia’ di un progetto non ancora completo (una ‘bozza’ del vostro brano), in modo tale da poter riaprire il file in un secondo momento e proseguire il lavoro. Per aprire nuovamente il progetto dovete effettuare il login (ossia entrare nel sito con il vostro account), aprire l’applicazione (tasto Open app) e infine cercare il vostro brano nell’elenco Tracks (brani finiti ed esportabili come file mp3). 2. Una volta completato il lavoro, siete pronti per pubblicarlo ed eventualmente esportarlo come file audio, in modo da poterlo ascoltare attraverso un lettore multimediale. A questo scopo, dal menù File, selezionate il comando Publish.  Audiool_8_publish Attenzione: prima di convertire il vostro progetto in una traccia audio, assicuratevi che la lunghezza della registrazione sulla timeline sia congruente con la durata effettiva del vostro brano. A questo scopo dovrete trascinare verso sinistra l’estremità finale del cursore grigio che trovate nella timeline (nelle impostazioni iniziali si trova dopo battuta 120) in modo da accorciare la durata della traccia. Questa operazione serve ad evitare che un brano breve sia seguito da una lunga coda di silenzio. audiotool_7_cursore Per raggiungere il vostro file dovete cliccare sull’icona del vostro account, in alto a destra. audiotool e successivamente su: tracks. (brani finiti e esportabili come file audio). audiotool2 Cliccando sul titolo del vostro brano si aprirà una nuova pagina. Qui troverete la rappresentazione dell’onda sonora del vostro brano e, sotto questa, alcune opzioni. Tra queste le più importanti riguardano il download del file (freccia in giù) e la possibilità di condividere il link del brano. audiotool3 Per condividere il vostro brano esiste anche un’opzione semplice. Assicuratevi che la pagina che state visualizzando sia proprio quella per ascoltare il vostro brano e non l’APP per modificarlo. Dovrebbe apparire come in figura. La barra degli indirizzi (di solito si trova in alto, sopra la finestra di Explorer, Mozilla o Chrome) conterrà il vostro titolo più qualche codice, come in figura. Selezionate l’indirizzo internet dalla barra degli indirizzi del browser . Nell’immagine di esempio ho selezionato il testo presente sulla barra degli indirizzi, relativa ad un brano di prova dal titolo ‘Armonica’.  Con il tasto destro del mouse copiate l’indirizzo internet. A questo punto potete aggiungere un Commento  a un articolo (click su commenti sotto questo post) e potete inserire (incolla) il link nel commento, aggiungendo un breve testo. Se avete realizzato il brano durante un’attività di laboratorio nelle mie classi, inserite il vostro nome proprio (e eventualmente la sola iniziale del cognome) e la vostra classe.